percorso museale

Il percorso museale di 400 mq permette di conoscere curiosità sul mondo del cane da diversi punti di vista, quali l’arte, la moda, il cinema senza dimenticare un approccio più scientifico e storico. Attraverso una rappresentazione illustrativa, con reperti e ricostruzioni si narra l’evoluzione del cane, la selezione delle razze, la distribuzione geografica, le funzioni nel corso della storia. Si offre una prospettiva scientifica sul cane e il suo ruolo nell’arte e nel cinema. Il museo racconta l’evoluzione del rapporto cane-uomo, ne rispetta le esigenze e si pone l’obiettivo di sensibilizzare l’uomo riguardo i temi del maltrattamento e dell’abbandono. La combinazione dei loro sguardi dà vita ad un modo nuovo di interpretare il rapporto tra i due.

il museo è composto da più sezioni tematiche, narrate da una serie di reperti, oggetti e documenti raccolti in giro per il mondo che hanno l’obiettivo di guidare il visitatore nella conoscenza del mondo del cane e la storia del rapporto cane-uomo. 

1. c’era una volta

questa sezione è dedicata alla preistoria del cane e alla sua evoluzione.

attraverso fossili originali, quali il cranio del dire wolf e il fossile del lupo del Miocene, e reperti di importanza storica, come i cani di Foo e la riproduzione della lupa capitolina, è possibile ricostruire non solo un percorso evolutivo del cane, ma anche uno simbolico, che vede come protagonista di miti il nostro amico a 4 zampe

 

2. arte da cani

il miglior amico dell’uomo è da sempre protagonista delle opere artistiche (sculture, quadri, illustrazioni), probabilmente per le mille emozioni che riesce a trasmettere col suo musetto divertente o per i suoi occhi profondamente espressivi.

in questa sezione si possono ammirare la riproduzione di Puppy e del Ballon Dog Red entrambi opere dell’artista Jeff Koons

 

3. il cane attore

compagno di vita e di avventure anche sul grande schermo, il cane è simbolo di fiducia e fedeltà, spalla perfetta nei film comici e in quelle dalle venature più drammatiche.

visitando il museo, in questa sala, troverete una carrellata dei manifesti dei film di maggior successo nella storia del cinema

 

4. un po’ di scienza

un approccio scientifico per scoprire le caratteristiche e le curiosità sul corpo del cane.

sarà possibile approfondire l’argomento con l’analisi degli scheletri canini esposti e lo studio delle schede tecniche illustrative

 

5. a tutto cucciolo

una sezione dedicata ai bambini e al loro speciale rapporto con i cani.

su un planisfero potranno scoprire la provenienza di 32 razze canine, una postazione video dimostra loro come vede un cane e nel nido potranno ammirare il gioco e l’allattamento dei cuccioli dell’allevamento.

l’ampia sala si trasforma inlaboratorio didattico per le scolaresche e i gruppi, con dimostrazioni video e giochi pratici, durante le fasi di apprendimento i bimbi saranno seguiti dal nostro personale

 

6. i collari

compagno di giochi e collega di lavoro, senza il nostro amico scodinzolante alcune attività sportive e lavorative sarebbero difficili da immaginare.

basti pensare alla caccia o al salvataggio in acqua da parte di terranova o al traino di slitte al Polo Nord

 

7.  si lavora?

in questa sezione ampio spazio è dedicato ai collari, elementi di congiunzione fisico tra uomo e cane, ma anche simboli di appartenenza e di subordinazione.

i collari esposti sono più di 40 di diverse epoche e rifiniture.

 

8. foof is cool

dismesso le vesti di compagno di lavoro e di giochi, negli anni il cane ha sempre più assunto il ruolo di “familiare” e di “amico”.

accompagnarsi ad un cucciolo piuttosto che ad un altro, ha degli ultimi anni simboleggiato l’appartenenza ad una classe sociale e interpretato un costume sociale

 

9. pausa pubblicità

il cane è un attore versatile capace di veicolare ogni tipo di messaggio promozionale, per tale motivo non sono rare le occasioni in cui è stato affidato alla sua immagine quella del lancio di aziende o campagne pubblicitarie.

in questa sezione è possibile ammirarne una raccolta

indietro


uno spazio disegnato su misura per i ragazzi, dove conoscere è divertimento

C'è uno straordinario legame che si instaura tra un cucciolo e il suo padroncino. I bambini, più di ogni altro, riescono a stabilire un profondo rapporto di fiducia e di vera amicizia con i cani. Negli spazi si ritrovano informazioni con un linguaggio vicino ai ragazzi che raccontano le sfaccettature più singolari e introvabili per far conoscere le regole basilari per interagire con i cani. Sono costantemente programmati  laboratori e attività ludiche.


foof è museo innovativo

L'ANMLI, Associazione Nazionale Musei Locali e Istituzionali, l'11 aprile 2014 a Torino, davanti a una platea formata da direttori di musei ed esponenti del mondo universitario italiano, ha assegnato a foof il riconoscimento di Museo Innovativo.

Il premio è stato assegnato al museo del cane FOOf per il riconoscimento della creazione di una realtà innovativa capace di trasformare un luogo come un canile in un'esperienza viva. Il progetto si caraterizza, inoltre, per la notevole vocazione partecipativa, per la capacità di creare reti, l'attezione al marketing e la capacità di comunicazione.

-------------

“Bisogna essere innovativi, rilevanti, coraggiosi. I Musei devono trovare una strada pertinente, intelligente e soprattutto praticabile” Con questo invito a raccogliere la sfida del Presidente rieletto Anna Maria Montaldo, si è chiuso a Torino il  trentesimo Convegno nazionale dell’ANMLI, organizzato in collaborazione con Palazzo Madama di Torino e il Dipartimento di Studi Storici dell’Università degli Studi di Torino.

...

A Vito Luigi Pellegrino è spettato il compito di presentare ai partecipanti Foof - Uno spazio dedicato al cane, per conoscere gli animali e amare la natura. Un museo giovanissimo, inaugurato nel dicembre del 2012 ed estremamente innovativo che declina conoscenza scientifica con spirito imprenditoriale e rigenerazione del territorio. Un’esperienza di grande interesse per le modalità di realizzazione e per le competenze e le professionalità  messe quotidianamente a servizio della buona riuscita del progetto (istruttori, cinofili, veterinari, sociologi, pedagogisti). Un museo impegnato anche nel sociale con vari percorsi dedicati per esempio all’obesità infantile e alla sicurezza stradale.

 

L’ANMLI, Associazione Nazionale Musei Locali e Istituzionali, fondata il 12 giugno 1950, è la più antica associazione museale, operante in Italia. Fini e compiti dell’Associazione sono la promozione e la tutela dei musei e del patrimonio culturale di proprietà e di pertinenza degli Enti Locali e Istituzionali; l’incremento delle raccolte; la ricerca scientifica; la valorizzazione delle professionalità museali. Oggi l’Associazione è impegnata nella ricerca di nuove opportunità di gestione e rigenerazione dei Musei locali e nel rafforzamento delle reti dei Musei Civici.

 


collezione di opere d'arte

due di uno

Oreste Zevola, noto artista napoletano, ha realizzato con passione e amore, quest’opera in lamierino verniciato per poi donarla al museo FOOF.

È il suo modo per suggellare la profonda interelazione esistente tra l’uomo e il cane, l’opera si ispira al legame che si instaura tra l’uomo e il proprio cane, tale emozione è rappresentata come una vera e propria compenetrazione delle parti.


i cani di Piazza del Plebiscito

Foof ospita nello spazio antistante al museo I cani di Piazza del Plebiscito di Paolo W. Tamburella, sono

parte dell’installazione di Opera per Cantalupo presentata a Piazza del Plebiscito a Napoli il 21 ottobre

2012. Ispirato alla figura di Salvatore Cantalupo, personaggio noto a Napoli per attraversare ogni giorno Piazza del Plebiscito circondato da un vasto gruppo di cani.

cave canem

di Gerardo Di Fiore, un’opera realizzata in occasione della sua personale al museo Madre nel 2012.
Costruita in gommapiuma, ha un valore allegorico e metaforico temperato da quella sottile e coinvolgente ironia che caratterizza tutta la produzione dell'artista. Attraverso questo materiale la scultura, da sempre nata per sfidare i secoli, viene riplasmata in un materiale effimero per antonomasia.

vecchi cani

di Giovanna Durì. Un ritratto a china scelto dalla collezione Vecchi Cani, che indaga sul tema dell’uomo che si accompagna al cane. I vecchi cani, e più in generale, gli animali anziani, faticano a trovare un padrone. L’autrice,  intende, con i lavori in mostra, stimolarne l’adozione..

il cane

Scultura bronzea ad opera di Fernando Botero, noto pittore e scultore colombiano. Le forme tonde e abbondanti che lo hanno reso celebre desiderano trasformare la realtà in arte per mezzo della deformazione e dell’alterazione. Le opere acquistano così forme insolite, dilatate, quasi irreali.

puppy

Riproduzione del gigantesco cucciolo-installazione di un West Highland White Terrier, realizzato con fiori mantenuti in vita da un sistema di irrigazione interno alla struttura. Jeff Koons, museo Guggenheim di Bilbao, 1992.

 

il cane

Scultura bronzea di Alberto Giacometti, che sembra sottrarsi allo spazio più che occuparlo, un cane filiforme e frastagliato nelle carni. L'artista affermò di essersi ispirato all’arte greca ed egiziana, che aveva spesso “copiato” al Louvre e al Musée de l’Homme a Parigi.

balloon dog 

Il Balloon Dog Red fa parte della serie Celebration. Di finitura impeccabile e meticolosa cura del dettaglio, la scultura mostra un paradossale senso di leggerezza dei palloncini ai quali si ispira che contrasta con l’acciaio cromato in cui è realizzato. Opera di Jeff Koons.

 

il cane blu

Il quadro opera di George Rodrigue ritrae Tiffany, una comune cagnetta da cortile. Il quest’opera è dipinta in blu per trasmettere l’inquietudine del soggetto.

 

indietro

 


riconoscimento regione Campania

Con Decreto N. 49 del 15/2/16, la Giunta Regionale della Campania, viste le norme in materia di riconoscimento dei musei e delle raccolte museali di pubblico interesse, riconosce all'Associazione Vivimondo l'istituzione di "foof - museo del cane".

 

 

premio la fabbrica del paesaggio

Il Parco&Museo del cane Foof ha aperto le sue porte a dicembre 2012 e da allora ha ricevuto diversi riconoscimenti. Si è aggiudicato, su proposta del Club Unesco di Caserta, la menzione speciale della giuria al Premio Internazionale La Fabbrica nel Paesaggio organizzato dalla Federazione Italiana Club e Centro Unesco e dall'Osservatorio Europeo del Paesaggio, con il patrocinio della Federazione Europea e della Federazione Mondiale dei Club, Centri e Associazioni UNESCO, dell'ICOMOS Italia e del Ministero dell’Ambiente.

 

premio museo innovativo

Premiato nell’aprile 2014 dall’ANMLI (Associazione Nazionale Musei Locali e Istituzionali) come Museo innovativo con la seguente motivazione: “il progetto del museo del cane di Mondragone, foof –uno spazio dedicato al cane, per conoscere gli animali e amare la natura, ha presentato una realtà innovativa, capace di trasformare un luogo di deportazione come il canile in un’esperienza viva, in grado di avere un ruolo nei processi di riconversione di un’area difficile, con forti elementi di degrado, come la costiera Domiziana. Il progetto si caratterizza, inoltre, per la notevole vocazione partecipativa, per la capacità di creare reti, l’attenzione al marketing e alla qualità della comunicazione”.

 

certificato eccellenza trip advisor

Bissato il gradimento del pubblico che ci ha consentito di ricevere per il secondo anno consecutivo il certificato di eccellenza di Trip Advisor. Per noi è motivo d'orgoglio e la conferma che ci stiamo muovendo nella giusta direzione.

Foof vincitore del: Certificato di eccellenza 2015. Certificato di eccellenza 2014 per la quantità e qualità dei feedback riscontrati dai visitatori

 

premio gallo d'oro

Altro riconoscimento è quello del Gallo d’oro ricevuto nel settembre 2013 vista: “encomiabile iniziativa avviata dal Foof per diffondere una cultura animalista e di rispetto per gli amici a quattro zampe contro l’abbandono, la violenza, la vivisezione e il traffico di animali conferisce al Primo Museo del Cane, nato non a caso in una terra difficile, un premio speciale per la sensibilità e la solidarietà mostrata verso gli amici più stretti del mondo con la convinzione che il rispetto per la legalità e l’altrui persona si costruisce con l’amore verso tutte le creature nell’insegnamento di San Francesco d’Assisi”.

 

premio riviera domitia

Uno dei riconoscimenti più apprezzati è stato di certo quello da parte dell’Associazione Riviera Domitia che ha premiato il museo &parco foof con una motivazione assai lusinghiera: “abbiamo voluto riconoscere questo premio al foof perché siamo convinti che tale iniziativa possa rappresentare un seme per il rilancio del litorale domitio”. Tale attestato di merito è assai prezioso visto i ringraziamenti da parte dei sindaci e del Vescovo dell’intera comunità domitia.